Roma 3-2 Torino “Domatori”

con Nessun commento
Primo tempo col Torino veramente ottimo con un Karsdrop ritrovato.  Restano le solite amnesie dopo il doppio vantaggio acquisito, unica pecca di questa Roma in netto miglioramento sotto tanti punti di vista. Un problema che persiste quello di non saper dare il colpo di grazia quando l’avversario e’ a terra ferito.  “Uccidere l’avversario quando sta per morire” come dice metaforicamente l’allenatore juventino Allegri.  Insomma chiudere le partite anzitempo per avere una certa tranquillita’.  Ma la reazione c’e stata dopo il 2-2, con El Sharaawy a rimettere la Roma davanti. Tre punti fondamentali, visti i risultati di Lazio ed Inter.  
 
Infine, le cose cominciano a girare per il verso giusto, risultati e gioco.  L’avevamo detto. La Roma si riprendera’. E’ la Roma delle giovani meraviglie. Da Zaniolo a Lo. & Lu. Pellegrini, passando per Under, Kluivert, Cristante e Riccardi.  Una squadra giovane e fortissima in prospettiva, se la società potesse trattenerli tutti o quasi tutti. Sarebbe un peccato davvero, ma crediamo che almeno un pezzo partira’, e quello sara’ Cengiz Under.  Ma la posizione di Zaniolo e’ quella che piu’ comicia a preoccupare. E’ forse quello piu’ in vista al momento, quello che fa stropicciare gli occhi per tutto, personalita’, mezzi e prestazioni. La Roma prolunghera’ il contratto e mettera’ una clausola ma quando si presentera’ un Real Madrid, Barcellona o Manchester a bussare alle porte di Trigoria con offerte stratosferiche come fara la dirigenza a resistere? 
 
Detto cio’, abbiamo scoperto una squadra giovane con delle potenzialita’ enormi, ma per vincere serve un giusto amalgama, con giocatori di esperienza e carisma. La Roma vista ultimamamente da la senzazione che con qualche innesto mirato puo’ ambire in alto.  Un difensore centrale forte da affiancare a Manolas, e non al suo posto. L’atalantino Mancini sarebbe ottimo in prospettiva, ma serve anche uno di esperienza.  A centrocampo un Barella sarebbe l’ideale,  molto piu’ dinamico di Nzonzi. Ma se non ci fossero le condizioni a gennaio, la Roma deve comunque sopperire alle assenze con dei ricambi in quei settori. 
 
Adesso cerchiamo di recuperare la forma di certi giocatori tipo Dzeko e il resto degli infortunati tipo Capitan De Rossi.  Prossima partita a Bergamo contro una forte Atalanta in forma.  Serve una prova di carattere maiuscola all’Azzurri D’Italia. Vincere sarebbe un vero e proprio colpaccio.   Difficilissima si, ma andiamo li senza paura. Questa Roma non sara’ all’altezza di Juve e Napoli ma se la gioca con tutte le altre. Terzo posto incluso.  Forza Roma.

Lascia una risposta