ATALANTA 4-1 ROMA ’FIOCCHI DI NEVE’

con Nessun commento

Ottimo primo tempo. Tattica perfetta di contenimento, con ripartenze a rompere tra le linee.  Subito gol di Dzeko dopo 3 minuti. Attenti in difesa. Atalanta pericolosa solo a tratti, quasi nessun tiro verso la nostra porta. Sfortunati a non andare sul 2 a zero con il pallonetto di Spinazzola sul palo e la punizione con gran parata su Pellegrini. Secondo tempo. Gasperini cambia, Fonseca no. Forze fresche, Ilicic che cambia il passo, un altro ritmo. La Roma si ferma e perde la bussola. Atalanta travolgente anche per errori nostri. Grossolani. Finisce in un disastro.

Come accaduto contro il Napoli, la squadra giallorossa si è sciolta come neve al sole. Ma puo’ essere solo perche’ Gasperini mette Ilicic nella mischia? L’Atalanta e’ forte, ma come a Napoli non si può spiegare solo cosi il caos che ne è seguito. Schiacciati nella propria metà campo, incapaci di reagire, errori marchiani a centrocampo, difesa e portiere a farfalle.  E’ un fatto fisico, di tenuta atletica perche’ loro corrono di piu’ o e’ una questione mentale, di atteggiamento, come dice Fonseca?  Quale sia il problema e’ un mistero, amnesie che ci sono state parzialmente in altre occasioni.

L’allenatore portoghese è stato duro a fine partita coi suoi ‘bambini’, ha fotografato bene la situazione, dimenticando pero’ che Gasperini ha cambiato subito quando ha visto che le cose non giravano, mentre lui i cambi li ha fatti all’80esimo a frittata fatta, cotta e mangiata. Magari perdevi ugualmente ma almeno si poteva tentare prima, un po di freschezza con Mayoral al posto dello spento Pedro, Villar al posto di uno stordito Veretout, e Calafiori invece di Bruno Peres. A proposito, ma poi e’ entrato Brunetto?

Capitolo portiere. Se Pau Lopez e’ costato 25m ma adesso sta in panchina e’ piu’ che altro perche’ dopo il pasticcio al derby l’anno scorso non si e’ mai piu’ ripreso completamente.  Il secondo portiere Mirante e’ poi subentrato ed ha fatto molto bene. Ma non dimentichiamo che ha 37 anni! E non dimentichiamo che non e’ ne un Buffon, ne un Pepe Reina o un Sirigu. Se in carriera ha sempre e solo giocato in squadre medie piccole un motivo ci sara’.  Adesso, con tutta la stima, o Fonseca rimette in piedi Lopez o cerca un nuovo portiere, giovane alla Meret, Cragno o Gollini (magari..), oppure va sull’usato sicuro, un portiere affidabile e di esperienza in squadre di alto cabotaggio europeo. Adesso si ricomincia subito col Cagliari mercoledi prima di passare al panettone. Vincere per stare bene durante le feste. E dopo le feste che ci dovremo preoccupare.  La strada e’ lunga…Sempre Forza Roma.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia una risposta